Home » Articles posted by Roberto Delle Donne

Author Archives: Roberto Delle Donne

Notizie

Coordinamento Giunta Società Storiche: Lettera ai ministri Franceschini e Manfredi

Biblioteca

Al Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo
On. Dario Franceschini
Al Ministro dell’Università e della Ricerca
Prof. Gaetano Manfredi
e p.c.
Al Capo di Gabinetto del MiBACT
Prof. Lorenzo Casini
Al Direttore Generale degli Archivi
Dott.ssa Anna Maria Buzzi
Al Dirigente del Servizio II della Direzione Generale degli Archivi
Dott.ssa Sabrina Mingarelli
Al Direttore dell’Archivio Centrale dello Stato
Dott.ssa Elisabetta Reale

Roma, 22 maggio 2020

Cari Ministri,

(altro…)

Convegni e seminari

Bando – Scuola dottorale di alta formazione di Salerno 2020

Le Università degli Studi di Salerno, della Basilicata, della Calabria, di Napoli Federico II, di Roma La Sapienza, del Salento e l’École française de Rome organizzano il IX Seminario Internazionale  della Scuola dottorale di alta formazione Mondi mediterranei e Italia meridionale nel Medioevo, sul tema

Teorie, rappresentazioni e pratiche della giustizia

Salerno, 8-12 giugno 2020

La Scuola dottorale ha lo scopo di fornire alta formazione per affrontare tematiche legate alla storia, alla civiltà e alla cultura dell’Italia meridionale e del più ampio ambiente mediterraneo in età medievale. La Scuola, pertanto, riunisce docenti esperti e giovani ricercatori al fine di offrire un’occasione di riflessione, di discussione, di approfondimento metodologico e di aggiornamento storiografico sulle diverse fonti storiche e sulle modalità di una loro corretta e proficua utilizzazione.

I borsisti parteciperanno alle giornate presentando una loro relazione nella quale illustreranno un progetto di ricerca e le diverse fonti da loro adoperate. Il seminario è destinato in particolare ai giovani ricercatori, dottorandi o già in possesso del titolo di dottorato, che studiano argomenti relativi all’Italia e/o alle altre regioni del Mediterraneo medievale, per i quali saranno stanziate 12 borse, che copriranno i costi complessivi di soggiorno; le spese di viaggio rimangono a carico dei partecipanti.

Scadenza per la presentazione delle domande: 12 aprile 2020

Select item to view

Società storiche: Attività

I Workshop nazionale dei dottorandi in Storia

Coordinamento della Giunta Centrale per gli Studi storici e delle Società storiche


Università degli Studi di Napoli L’Orientale

Aule del Palazzo del Mediterraneo, via Nuova Marina 59,

23-24 gennaio 2020


(altro…)

In evidenza

Ma c’è davvero la Storia nella prima prova scritta della maturità?

Un’attenta analisi tecnica della prima prova d’esame per la maturità 2019 rafforza la convinzione che sia necessario ripristinare il vero e proprio elaborato di Storia. Le tracce ovvero le ‘proposte’ fornite dal Ministero rivelano infatti una concezione della disciplina sempre e solo funzionale ad altri scopi, benché magari di alta valenza culturale. Manca del tutto, come vedremo, ogni aggancio ai fondamenti della disciplina stessa: la contestualizzazione dei fatti e la centralità delle prove documentarie per la loro ricostruzione. Veniamo allora nel merito delle tracce che certamente contengono riferimenti storici, per poi trarne le dovute conclusioni.

(altro…)

In ricordo

Scomparsa di Karol Modzelewski

È mancato ieri a Varsavia il medievista polacco Karol Modzelewski.
Nato a Mosca nel 1937, era stato allievo a Varsavia di Aleksander Gieysztor. Aveva poi insegnato nelle Università di Wrocław (Breslavia) e di Varsavia e avuto esperienze di ricerca anche in Italia, nei primi anni Sessanta.
All’attività di studioso ha affiancato per tutta la vita l’appassionato impegno nella vita politica del suo paese, che gli è costato per due volte anni di imprigionamento.
I suoi studi più rilevanti sono dedicati ai processi di etnogenesi del mondo slavo e all’inquadramento della società nelle strutture della monarchia barbarica della dinastia Piast. Nel 2010 ha rilasciato una lunga intervista a Paola Guglielmotti e a Gian Maria Varanini sulla sua formazione, sulle ragioni della sua opera e sul dialogo che egli seppe intrecciare con le storiografie degli altri paesi europei: http://www.rmojs.unina.it/index.php/rm/article/view/4758.
I colleghi e gli amici italiani ricordano la non comune levatura dello storico e dell’uomo che seppe battersi per la democrazia in Polonia.

In evidenza

Pubblicati i proceedings del I Convegno della medievistica italiana

http://www.rmoa.unina.it/4986/

La Sismed, Società italiana degli storici medievisti, ha organizzato tra il 14 e il 16 giugno del 2018 il primo convegno della medievistica italiana negli spazi del Centro Residenziale Universitario di Bertinoro, un borgo arroccato su un colle in provincia di Forlì-Cesena. L’iniziativa è stata articolata in 48 panel tematici cui hanno preso parte poco meno di 200 medievisti – a diversi stadi della loro carriera universitaria – tra coordinatori, relatori e discussant. La Sismed ha deciso di mettere a disposizione della comunità scientifica i primi esiti di quasi tutti i panel, che testimoniano larga parte dei temi vivi nella medievistica italiana del secondo decennio del secolo: si leggono qui le relazioni presentate nel corso del convegno, in una versione preliminare a una rielaborazione in forma più distesa e completa – arricchita dal contributo di dibattito seguito alle esposizioni nei panel – e in vista di una eventuale e più tradizionale pubblicazione. Gli autori sono stati lasciati liberi di consegnare i propri lavori nella modalità di loro maggior gradimento, spesso senza note e bibliografia e talora nella semplice forma di abstract. Il deposito, sotto la data del 30 marzo 2019, di tale assemblaggio non selettivo (mancano solo i testi di chi ha lecitamente preferito non consegnare) nell’Open Archive di Reti Medievali ha la funzione di tutelare questo patrimonio intellettuale e il diritto di ciascun autore. I panel sono presentati nella successione che si legge nella locandina del convegno.

In evidenza

Documento del Coordinamento delle Società Storiche e di altri enti sulla recente riforma dell’esame di maturità

Il Coordinamento della Giunta centrale per gli studi storici e delle società degli storici ha appreso oggi con grande sconcerto delle modifiche riguardanti la prima prova scritta dell’esame di stato (Circolare MIUR n. 3050 del 4 ottobre 2018 e Documento di lavoro della commissione presieduta da Luca Serianni). La scomparsa della tradizionale traccia di Storia dalle tipologie previste per l’esame di maturità sembra seguire un percorso di marginalizzazione della storia nel curriculum scolastico, già iniziato con la diminuzione delle ore d’insegnamento negli istituti professionali. Si tratta di un’immotivata novità che riduce di fatto la rilevanza della Storia come disciplina di studio in grado di orientare i giovani nelle loro scelte culturali e di vita. Svilire in questo modo la specificità del sapere storico nella formazione scolastica significa inoltre accelerare, forse senza rendersene conto, un processo già in atto di riduzione del significato dell’esperienza del passato come patrimonio di conoscenze per la costruzione del futuro.

(altro…)

Società storiche: Attività

Gli storici e la didattica della Storia. Scuola e Università

Coordinamento delle Società storiche

Gli storici e la didattica della Storia.

Scuola e Università

Roma, 25 – 26 ottobre 2018

(altro…)

In ricordo

Scomparsa di David Jacoby

È venuto a mancare David Jacoby (1928-2018), professore emerito di Storia medievale alla Hebrew University di Gerusalemme, grande studioso di storia mediterranea. Aveva conseguito il dottorato alla Sorbona di Parigi, per poi svolgere attività di ricerca e di insegnamento in diverse università statunitensi ed europee, tra cui Venezia. Nel 1973 gli era stato conferito il Prix Gustave Schlumberger dell’Académie des Inscriptions et Belles-Lettres di Parigi. Era membro dei comitati scientifici delle riviste “Mediterranean Historical Review” e “Crusades”. I suoi interessi di ricerca sono andati agli scambi interculturali tra l’Occidente e l’Oriente del Mediterraneo, in particolare tra Venezia, Bisanzio e i suoi territori, gli Stati crociati di Levante, Cipro e l’Egitto mamelucco, tra il IX e il XV secolo. Ha studiato inoltre la produzione e il commercio della seta nel medioevo; nonché la storia degli ebrei nel bacino del Mediterraneo.

In ricordo

Scomparsa di Riccardo Fubini

Riccardo Fubini, morto nella sua casa di Firenze lo scorso 9 luglio, è stato uno dei maggiori studiosi dell’Umanesimo e del Rinascimento, nonché della storia politica italiana fra XIV e XVI secolo. Nato a Trieste il 30 agosto 1934, si era formato alla Scuola Normale Superiore di Pisa; dopo aver insegnato Storia della letteratura medievale e umanistica, orientò il suo insegnamento alla Storia del Rinascimento, per la quale divenne professore ordinario a Siena nel 1980; dal 1984 si trasferì nell’ateneo fiorentino dove tenne il corso di Storia del Rinascimento fino al 2008. (altro…)

  • English
  • Italiano

Coordinamento
delle Società Storiche

Verbali
Attività
Documenti


II Convegno SISMED della medievistica italiana
Bertinoro (Forlì-Cesena)
17-19 giugno 2021


Premio Sismed 2019

La Sismed bandisce un premio riservato ad un’opera prima, consistente in una monografia inedita di ambito storico medievistico
Scadenza: 31 marzo 2020
Ulteriori informazioni



Reti Medievali

La Sismed e Reti Medievali hanno siglato una convenzione per sostenere la più ampia diffusione in rete, in libero accesso, delle pubblicazioni e delle iniziative scientifiche degli storici del medioevo.

Sezioni di Reti Medievali:

Calendario
Didattica
E-Book
Memoria
Open Archive
Repertorio
Rivista

Agosto: 2020
L M M G V S D
« Lug    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Login


Warning: sizeof(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.sismed.eu/home/wp-content/plugins/sidebar-login/includes/class-sidebar-login-widget.php on line 213