Home » In ricordo

In ricordo

In ricordo

Scomparsa di Giovanni Cherubini

Giovanni Cherubini

È mancato oggi a Firenze Giovanni Cherubini (1936-2021), professore emerito di Storia medievale nell’Università di Firenze, dove era stato allievo di Ernesto Sestan, maestro di molte generazioni di studenti e coordinatore del Dottorato di ricerca in Storia medievale che, nelle sue parole, «non ha mai preteso di essere una “scuola” che chiede una qualche adesione, ma soltanto una scuola di metodo» che «ha affermato di conseguenza, in maniera naturale, la regola del confronto, della varietà, della accettazione di punti di vista e di provenienze diverse».
Giovanni Cherubini è stato, inoltre, presidente del Centro Italiano di Studi di Storia e d’Arte di Pistoia, membro del comitato scientifico dell’Istituto internazionale di Storia Economica “F. Datini” di Prato e del Comitato scientifico del Centro di Studi sulla Civiltà del basso Medioevo di San Miniato. Ha diretto dalla fondazione e fino al 2009 la rivista «Annali Aretini», è stato responsabile scientifico della «Rivista di storia dell’agricoltura», pubblicata dall’Accademia dei Georgofili. Nella sua lunga attività è stato chiamato a far parte di molte accademie o società storiche, tra cui l’Accademia dei Georgofili, l’Accademia di Scienze e Lettere “La Colombaria”, l’Accademia del Cimento, l’Accademia Petrarca di Arezzo, l’Accademia degli Intronati di Siena, la Deputazione toscana di Storia patria.
Le sue ricerche si sono concentrate sulla storia della società medievale, indagata nelle strutture sociali, nelle attività economiche, nella mentalità e negli aspetti religiosi. Tra i suoi volumi si ricordano: Signori, contadini, borghesi. Ricerche sulla società italiana del basso medioevo (1974), L’Italia rurale del basso Medioevo (1985), Città comunali di Toscana (2003) e Pellegrini, pellegrinaggi, giubileo nel Medioevo (2005).

Notizie

Scomparsa di Jean-Marie Martin

Si è spento a Parigi il 14 gennaio Jean-Marie Martin (1938-2021), Directeur de recherche al Centre national de la recherche scientifique, per molti anni membro dell’École française de Rome e delle Scuole dottorali di alta formazione di San Marino e Salerno. I suoi studi si sono concentrati sulla storia dell’Italia meridionale nell’intero arco cronologico del medioevo, con particolare attenzione sia all’età longobarda e bizantina sia a quella normanno-sveva. Profondo conoscitore di archivi e fonti narrative e documentarie, edite e inedite, ha pubblicato circa quattrocento contributi scientifici, di notevole rilevanza per la storia delle aree regionali pugliesi e campane. Oltre alle edizioni di documenti, si ricordano in particolare La Pouille du VIe au XIIe siècleFoggia nel Medioevo La vita quotidiana nell’Italia meridionale al tempo dei Normanni. I suoi colleghi italiani ne ricordano l’affabilità del tratto umano, la costante disponibilità a collaborare con loro nella formazione degli studiosi più giovani.

In ricordo

Scomparsa di Karol Modzelewski

È mancato ieri a Varsavia il medievista polacco Karol Modzelewski.
Nato a Mosca nel 1937, era stato allievo a Varsavia di Aleksander Gieysztor. Aveva poi insegnato nelle Università di Wrocław (Breslavia) e di Varsavia e avuto esperienze di ricerca anche in Italia, nei primi anni Sessanta.
All’attività di studioso ha affiancato per tutta la vita l’appassionato impegno nella vita politica del suo paese, che gli è costato per due volte anni di imprigionamento.
I suoi studi più rilevanti sono dedicati ai processi di etnogenesi del mondo slavo e all’inquadramento della società nelle strutture della monarchia barbarica della dinastia Piast. Nel 2010 ha rilasciato una lunga intervista a Paola Guglielmotti e a Gian Maria Varanini sulla sua formazione, sulle ragioni della sua opera e sul dialogo che egli seppe intrecciare con le storiografie degli altri paesi europei: http://www.rmojs.unina.it/index.php/rm/article/view/4758.
I colleghi e gli amici italiani ricordano la non comune levatura dello storico e dell’uomo che seppe battersi per la democrazia in Polonia.

In ricordo

Scomparsa di David Jacoby

È venuto a mancare David Jacoby (1928-2018), professore emerito di Storia medievale alla Hebrew University di Gerusalemme, grande studioso di storia mediterranea. Aveva conseguito il dottorato alla Sorbona di Parigi, per poi svolgere attività di ricerca e di insegnamento in diverse università statunitensi ed europee, tra cui Venezia. Nel 1973 gli era stato conferito il Prix Gustave Schlumberger dell’Académie des Inscriptions et Belles-Lettres di Parigi. Era membro dei comitati scientifici delle riviste “Mediterranean Historical Review” e “Crusades”. I suoi interessi di ricerca sono andati agli scambi interculturali tra l’Occidente e l’Oriente del Mediterraneo, in particolare tra Venezia, Bisanzio e i suoi territori, gli Stati crociati di Levante, Cipro e l’Egitto mamelucco, tra il IX e il XV secolo. Ha studiato inoltre la produzione e il commercio della seta nel medioevo; nonché la storia degli ebrei nel bacino del Mediterraneo.

In ricordo

Scomparsa di Riccardo Fubini

Riccardo Fubini, morto nella sua casa di Firenze lo scorso 9 luglio, è stato uno dei maggiori studiosi dell’Umanesimo e del Rinascimento, nonché della storia politica italiana fra XIV e XVI secolo. Nato a Trieste il 30 agosto 1934, si era formato alla Scuola Normale Superiore di Pisa; dopo aver insegnato Storia della letteratura medievale e umanistica, orientò il suo insegnamento alla Storia del Rinascimento, per la quale divenne professore ordinario a Siena nel 1980; dal 1984 si trasferì nell’ateneo fiorentino dove tenne il corso di Storia del Rinascimento fino al 2008. (altro…)

In ricordo

Scomparsa di Armando Petrucci

Con Armando Petrucci (Roma, 1° maggio 1932 – Pisa, 23 aprile 2018) scompare un grande medievista, che come pochissimi altri ha saputo riversare le sue raffinate conoscenze specialistiche di paleografia latina e diplomatica in una storia della cultura di grande respiro, aperta alle diverse modalità dello “scrivere” (il libro, l’epistolografia, le scritture esposte), in costante dialogo con tutte le altre discipline, non solo storiche e letterarie.
Laureatosi in Lettere a Roma “La Sapienza” nel 1955, è stato archivista di Stato e conservatore dei manoscritti alla Biblioteca dell’Accademia nazionale dei Lincei. Ha poi insegnato alla Scuola speciale per archivisti e bibliotecari dell’Università di Roma, all’Università di Salerno, alla Scuola Normale Superiore di Pisa e in prestigiose università statunitensi e francesi. Ha diretto le riviste “Scrittura e civiltà” e “Alfabetismo e cultura scritta” ed è stato membro dell’Académie Royale de Belgique. Ha pubblicato opere che hanno avuto vasta risonanza internazionale dedicate alla storia della scrittura e del libro, alla storia dell’alfabetismo, alla storia delle biblioteche e dell’erudizione.

In ricordo

Scomparsa di Jean Flori

Si è spento il 18 aprile Jean Flori, tra i massimi studiosi delle “ideologie guerriere” dei secoli XI e XII. Nato il 7 aprile 1936 a Lillebonne, è stato allievo di Georges Duby e directeur de recherche al CNRS e al Centre d’Études Supérieures de civilisation médiévale di Poitiers.
Ha dedicato le sue ricerche ai temi della cavalleria medievale, della crociata, della guerra santa e delle attese escatologiche, alle figure di Pietro l’Eremita, Riccardo Cuor di Leone, Filippo Augusto ed Eleonora di Aquitania. In italiano sono stati tradotti molti suoi volumi.

In ricordo

Scomparsa di Giuseppe Galasso

Giuseppe Galasso

Si è spento la notte scorsa Giuseppe Galasso (Napoli, 19 novembre 1929 – Pozzuoli, 12 febbbraio 2018). Insigne storico e meridionalista, dal 1966 professore ordinario di storia medievale e moderna all’Università Federico II di Napoli, è stato presidente della Società napoletana di storia patria, presidente della Biennale di Venezia e presidente della Società Europea di Cultura. Dal 1977 era socio dell’Accademia dei Lincei. Studioso di Napoli, dell’Italia meridionale e dell’Europa dai secoli altomedievali all’età moderna fino al presente, ha dedicato importanti contributi anche alla storia della storiografia e delle idee, con particolare attenzione al pensiero di Benedetto Croce. All’intensa attività di ricerca ha sempre unito un vasto impegno civile e politico, che lo ha portato a ricoprire importanti incarichi istituzionali, come quello di sindaco di Napoli (1975), sottosegretario al Ministero dei Beni culturali e Ambientali (1983-1987) e sottosegretario al Ministero per l’intervento straordinario nel Mezzogiorno (1988-1991). A lui si deve nel 1985 una legge ancora oggi fondamentale per la tutela del paesaggio.

.

Notizie

Lutto: è venuto a mancare Giovanni Miccoli

È morto Giovanni Miccoli (Trieste, 1933-2017). Si era laureato in Lettere nel 1956 alla Normale, dove ebbe tra i suoi maestri Ottorino Bertolini, Delio Cantimori e Arsenio Frugoni. Aveva poi perfezionato gli studi all’Università di Monaco di Baviera e al Warburg Institute di Londra. Ha insegnato alla Scuola Normale Superiore di Pisa e nelle università di Pisa, Venezia e Trieste.
La SISMED e Reti Medievali rendono omaggio alla memoria del grande storico, che ha alimentato costantemente la sua rigorosa riflessione sulla Chiesa contemporanea con lo studio di alcuni momenti e figure cruciali della storia del cristianesimo medievale italiano, dalla riforma gregoriana a Francesco e il francescanesimo.

Notizie

Paolo Prodi: un ricordo

paolo prodi

“Penso che la gabbia disciplinare vada spezzata per poter dare un nuovo senso alla disciplina storica come studio della genesi della modernità” (P. Prodi). Anche per i medievisti Paolo Prodi è stato un grande maestro, che ha esplorato i fondamenti della civiltà europea: la genesi della laicità, la storia della giustizia e del giuramento, le forme storiche della cristianità. Lo ricordiamo anche come docente appassionato, come organizzatore di cultura, come intellettuale civilmente impegnato.

  • English
  • Italiano

Coordinamento delle Società Storiche

Convegni SISMED della medievistica italiana

II Convegno – 17-19 giugno 2021
Informazioni

I Convegno – 14-16 giugno 2018
Informazioni
Proceedings

Convenzioni

La Sismed ha sottoscritto convenzioni con:

Maggiori informazioni